newsAL ZABIR: premio Slow Food di BIRRA SLOW 2019

4 Aprile 20180
https://www.birrairias.com/wp-content/uploads/2017/05/guida_birre.jpg

Con grande piacere annunciamo che la nostra birra AL ZABIR ha ottenuto il prestigioso riconoscimento Slow Food di BIRRA SLOW 2019 (Guida Birre d’Italia 2019): “Le birre slow, birre che non solo sono di grande qualità, di grande valore organolettico, ma che sono in grado da sole di raccontare un birrificio, un birraio, un territorio. Le birre slow sono prodotti iconici, diventati o che diventeranno punti di riferimento per il mondo della birra italiana. Sono le birre, detto in altri termini, che sceglieremmo se dovessimo riassumere cosa sta succedendo in Italia in questo momento (birrariamente parlando).”

Ed eccola, la nostra AL ZABIR con il suo nuovo look. Appena insignita del prestigioso premio BIRRA SLOW 2019 dalla Guida Birre d’Italia di Slow Food, eccola con il suo nuovo vestito.
La birra per le occasioni speciali, dai profumi e dai sapori esotici e caldi, della grande e riconosciuta tradizione siciliana: l’uva Zibibbo (Zabib: in Arabo uva passa). La vendemmia tardiva sprigiona tutti i suoi odori per una I.G.A. piccante, da meditazione o fine pasto, dal colore dorato. Il corpo intenso e il finale dolce ne fanno una birra avvolgente dal primo all’ultimo sorso. AL ZABIR è una birra cruda, non pastorizzata, non filtrata.
Con AL ZABIR omaggiamo LA SICILIA FENICIO – PUNICA (XII sec. a.C. – 241 a.C.) Abili navigatori e formidabili commercianti, i Fenici intrattennero rapporti con le popolazioni siciliane probabilmente a partire già dal XII sec. a.C. Contribuirono all’introduzione dell’alfabeto e le loro vestigia mostrano grande padronanza delle arti. Furono scacciati a seguito della vittoria romana nella I guerra punica. Introdussero per primi la coltivazione dell’uva Zibibbo (Moscato di Alessandria) a Pantelleria.
Da oggi le nostre birre cambiano vestito! Stessa qualità, stesso gusto, nuovo abbigliamento. Abbiamo ridisegnato le etichette e le bottiglie delle nostre produzioni, cercando di legarle sempre di più alla nostra terra. Attraverso le etichette vogliamo ricordare le nostre origini. Lo facciamo rendendo omaggio alle donne di quei popoli che hanno vissuto, nel bene e nel male, fianco a fianco con le popolazioni locali.
Le immagini ripercorrono le “contaminazioni” che la Sicilia ha ricevuto nel corso della sua travagliata storia millenaria. “Incontri”, numerosi e vari, che sicuramente hanno arricchito e complicato il nostro carattere.
Abbiamo voluto che questo restyling non gravasse sul costo dei nostri prodotti e, anzi, siamo riusciti ad ottenere delle leggere economie con un ribasso del nostro listino.

Leave a Reply to admin Cancel Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *